Personaggi

Arrivederci Tonino, ‘la’ fisarmonica compagna di cene

Arrivederci  Tonino,  ‘la’ fisarmonica compagna di  cene

Ottobre 2002, al circolo La Casetta debutta ‘Il salotto del mandrogno’. Tra gli ospiti, Tonino Iorio (a destra, con Dino Crocco e l'allora assessore Cesare Miraglia)

La vita di Antonio Iorio detto Tonino iniziò nel quartiere che diede i natali ad Antonio De Curtis detto Totò, ed è finita domenica, cioè 71 anni dopo, all’ospedale San Martino di Genova.
In mezzo Alessandria, teatro di un’esistenza un po’ felice e un po’ complicata, dove quest’uomo minuto e garbato si è fatto conoscere, soprattutto nelle pizzerie e nei ristoranti. Lui e la sua fisarmonica. Con tante grazie a chi offriva una moneta, ma anche con sorrisi regalati a quelli che non volevano che la cena includesse canzoni che Napoli ha sfornato e che mezzo mondo conosce.
Iorio se l’è portato via un cancro che ne ha scalfito il fisico ma non l’umore. «Alla domanda: ‘Come ti senti?’, rispondeva: ‘Sto buone, nu’ te preoccupà. Appena so’ guarito, vedrai: aggia fà cose pazze c’a fisarmonica’».

Sul 'Piccolo' le testimonianze e i ricordi di tanti amici.

LE ULTIME NOTIZIE

I VIDEO

nome_sezione

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati