Mercoledì 19 Dicembre 2018

Il progetto

Alessandria 2000, cantiere riaperto. "Ma serve davvero?"

Alessandria 2000, cantiere riaperto. "Ma serve davvero?"

Operai e macchinari sono già al lavoro, alle porte della città, per realizzare il primo step della seconda fase del progetto Alessandria 2000: nei terreni adiacenti lo storico platano di Napoleone, così, sorgeranno altri cinque capannoni (uno dei quali più piccolo) per insediamenti commerciali e della grande distribuzione, mentre in un secondo momento - anche se il vicesindaco Davide Buzzi Langhi ammette che «di questo passaggio ancora non si è parlato con l’imprenditore interessato (il conte Radice Fossati ndr), quindi è probabile che, almeno per il momento, non se ne faccia nulla» - potrebbero essere costruiti laboratori anche a indirizzo artigianale e terziario che potrebbero costeggiare, secondo il progetto originario che risale agli anni Novanta, la tangenziale per Acqui Terme per un lungo tratto.
Preoccupato il Movimento 5 Stelle: «Questo piano - ammette il portavoce in consiglio comunale, Michelangelo Serra - potrebbe dare il colpo di grazia al piccolo commercio del centro storico».

Sul 'Piccolo' in edicola tutti gli approfondimenti sul progetto e le interviste.

LE ULTIME NOTIZIE
Maltese, 50 giorni out. Checchin, lavoro differenziato

45/50 giorni di stop per Maltese per la lesione al bicipite femorale

Calcio - Grigi

Maltese, 50 giorni out. Checchin: differenziato

18 Dicembre 2018 alle 18:48

Un mese e mezzo senza Maltese. Per il centrocampista uno stop lungo: gli accertamenti hanno ...

I VIDEO

nome_sezione

APPUNTAMENTI

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati