Lunedì 23 Aprile 2018

La crisi

Mossi & Ghisolfi, rischio fallimento: chiude Crescentino

Mossi & Ghisolfi, rischio fallimento: chiude Crescentino

Sempre più difficile il salvataggio del gruppo Mossi & Ghisolfi, in concordato preventivo dopo la grave crisi finanziaria originata da complicati investimenti negli Stati Uniti. Da novembre 227 dipendenti delle sedi italiane, tra cui circa 50 a Tortona, Rivalta Scrivia, sono in cassa integrazione.

Uno spiraglio pareva potesse arrivare dall'interessamento dell'Eni per l'impianto di Crescentino (Vc) per la produzione di biocarburanti, ma l'offerta pervenuta non copre che una minima parte dell'esposizione creditizia e difficilmente il tribunale potrebbe considerarla sufficiente.

Dal 16 marzo l'impianto di biocarburante è stato definitivamente spento e si fa molto difficile il destino dei 121 lavoratori impiegati, così come appare sempre più complessa una soluzione alle difficoltà finanziarie del gruppo imprenditoriale tortonese; l'ultima speranza può essere la vendita separata dei vari stabilimenti esistenti nelle varie sedi multinazionali. 

LE ULTIME NOTIZIE
Il centro? Eppur si muove...

Commercio

Il centro? Eppur
si muove...

20 Aprile 2018 alle 15:06

‘Il Piccolo’ per primo, sul finire dell’autunno, ha acceso i fari sulla realtà del centro storico ...

I VIDEO

nome_sezione

APPUNTAMENTI

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati