Domenica 23 Settembre 2018

Calcio - Grigi

"La velocità è la mia arma, attacco la profondità, in tutti i moduli"

Sartore: "Alessandria nel destino, al Mocca il debutto tra i professionisti

Alessandria Francisco Sartore

Dal Brasile con la voglia di crescere. "In sette anni sono maturato tanto", confessa Francisco Sartore

"C'era l'Alessandria nel mio destino". Perché, racconta Francisco Perez Sartore Dos Santos - "è vero, il cognome è molto lungo, ma è la somma di quelli di papà e mamma" - il debutto nel calcio professionistico "è stato proprio contro i Grigi e al Moccagatta. Sono partite che restano dentro per tutta la vita, momenti unici e indimenticabili. Di gare se ne giocano tante, ma la prima volta tra i professionisti è un momento fondamentale per chi sceglie di fare il calciatore. Stagione 2014 - 2015, io ero in Italia da tre anni, settore giovanile del Genoa. A Mantova la prima esperienza con i grandi: uno stadio pieno un bel tifo, anche da avversario è stato un bell'impatto". A distanza di quattro stagioni Sartore entreà al Mocca con la maglia giusta, quella grigia, primo innesto in attacco, una trattativa che, confessa l'italobrasiliano, "è iniziata poco dopo la firma di D'Agostino. Che mi conosce, perché sono stato avversario due volte della Virtus Francavilla nella stagione passata. Evidentemente l'ho colpito, con le mie caratteristiche. Ci siamo già parlati: io sono rientrato da pochi giorni dal Brasile, un colloquio telefonico". In cui D'Agostino ha spiegato a Sartore cosa vuola da lui? "Non ancora, sono state poche chiacchiere più in generale, sulla sua idea di gioco, che condividerà con tutto il gruppo. Io gli ho ribadito la mia soddisfazione per essere stato scelto dall'Alessandria, una società che, in questi anni in Italia, mi ha colpito, per la serietà, la solidità, i progetti. In un calcio dove spesso si fa fatica a rispettare gli impegni, l'Alessandria è un esempio. Senza contare la storia". In grigio Sartore vuole "continuare a crescere: ho due anni per dimostrare che merito la fiducia che mi è stata data". Esterno d'attacco, a destra, nelle ultime due stagioni al Matera, con Auteri, soprattutto 3-4-3, mentre D'Agostino predilige il 3-5-2. "Ho giocato molto moduli, anche con il 3-4-1-2 e pure con il 3-5-2. Sono esterno, è vero, ma con Auteri, specie l'anno scorso, sono stato utilizzato anche come prima punta". Due stagioni con un 'duro'. "E' vero, questa è la 'fama' di Auteri, anche meritata. A me ha insegnato moltissimo: dai giocatori pretende che si dia il massimo e anche di più, lavorare con lui mi ha fatto maturare, nella tecnica e nella personalità". Da un brasiliano la gente si aspetta sempre qualche  giocata da funambolo, il 'calcio bailado'. Sartore, in questo è un brasiliano a 360 gradi? "Anche per caratteristiche fisiche sono uno che sfrutta la velocità per attaccare la profondità e tagliare dentro. Questo mi riesce bene, perché sono brevilineo molto rapido". Fra una settimana il raduno. "Io sto già lavorando: preparazione fisica, alimentazione, anche tecnica: voglio arrivare già ben rodato" Chi vincerà il Mondiale? "Dico Brasile. Vorrei Brasile, anche se non sta giocando benissimo"

LE ULTIME NOTIZIE
Simone Dispensa

Simone (primo da sinistra) con i compagni di classe della 5E del liceo Amaldi di Novi

Novi

Domani mattina l'ultimo saluto a Simone Dispensa

23 Settembre 2018 alle 12:35

Sarà celebrato alle ore 10,30 di domani, lunedì, nella chiesa della parrocchia del Sacro Cuore a ...

Alessandria tifosi

La campagna abbonamenti si è chiusa a quota 900. Con un forte incremento negli ultimi giorni

Calcio - Grigi

Abbonamenti a quota 900. Pro senza Ledesma

22 Settembre 2018 alle 22:01

Sarà l'effetto Juve. Sarà quella scintilla, per utilizzare l'espressione di Gaetano D'Agostino, che ...

Mandrogne, scomparso 32enne

Il caso

Mandrogne, scomparso 32enne

22 Settembre 2018 alle 11:08

Mandrogne: diramate le ricerche di un uomo di 32 anni di cui non si hanno più notizie almeno dalla ...

I VIDEO

nome_sezione

APPUNTAMENTI

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati