Sabato 21 Settembre 2019

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

L'analisi

Vendemmia, qualità da record ma quantità in calo

Si registra un -15%. I raccolti di Grignolino e Barbera perduti per la grandine

Qualità da record ma quantità in calo

ALESSANDRIA - Una qualità decisamente superiore alle ultime annate ma una quantità che registra un calo del 15%: si può riassumere così la vendemmia 2019 nel nostro territorio. Il via una decina di giorni fa, un po’ in ritardo in base alle previsioni, con grappoli che si presentano sani e di altissima qualità.

Alcune aree del Monferrato Casalese hanno però pagato il prezzo di un’annata decisamente anomala dal punto di vista meteo: dove si sono abbattute grandine e tempeste non è rimasto più nulla. Le terre di Grignolino e Barbera devono fare i conti con un raccolto pari a zero e danni ingentissimi.

Intanto, oltre a flavescenza e cimice asiatica, soprattutto nella zona di Ovada è massima allerta per la Drosophila suzukii meglio conosciuta come il moscerino “flagello dei piccoli frutti” che attacca l’uva in fase di maturazione, danneggiandone irreparabilmente gli acini, con gravi conseguenze.

“Le condizioni attuali – sottolinea il presidente di Coldiretti Alessandria Mauro Bianco – fanno ben sperare per una annata di ottima qualità anche se l’andamento della raccolta dipenderà molto dal resto dal mese di settembre e ottobre per confermare le previsioni anche sul piano quantitativo, anche perché al momento appena il 15% delle uve è già in cantina contro il 40% dello scorso anno. A condizionare sono le anomalie climatiche del 2019, al caldo e siccità nei primi mesi primaverili sono seguite copiose precipitazioni, unite ad un significativo calo termico per buona parte del mese di maggio mentre nell’estate bollente si sono verificate a macchia di leopardo violente ondate di maltempo, proprio come accaduto nel Monferrato Casalese e in Val Cerrina”.

“Il vino è cresciuto scommettendo sulla sua identità, con una decisiva svolta verso la qualità che rappresenta un modello di riferimento per la crescita dell’intero settore agroalimentare” ha affermato il direttore di Coldiretti Alessandria Roberto Rampazzo nel sottolineare che “distintività e legame con il territorio sono i fattori competitivi vincenti per un settore che si conferma fiore all’occhiello nella provincia alessandrina”.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Alessandria

Muore a 18 anni: dona cuore,
fegato e reni

14 Settembre 2019 ore 20:00
Il dramma

Investito e ucciso mentre rientrava
a casa in bicicletta

18 Settembre 2019 ore 09:17
.