Venerdì 18 Ottobre 2019

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

L'analisi

Basta grano. È arrivata l’era di ulivi e nocciole

Mercato, clima e politiche agricole cambiano le colture dell’Alessandrino

Basta grano. È arrivata l’era di ulivi e nocciole

Fotografia di Marco Torchia

ALESSANDRIA - In principio fu la barbabietola da zucchero, poi arrivò il pomodoro e, infine, la nocciola. Negli ultimi anni è cambiato il panorama delle colture in provincia di Alessandria: colpa (o merito) prima di tutto del mercato, ma anche delle scelte politiche, dei cambiamenti climatici e, da ultimo, delle specie di animali infestanti che devastano campi e raccolti.

La pianura alessandrina è sempre stata considerata il ‘granaio’ del nord Italia, con colture intensive di ottima qualità. A questa coltivazione, che resta, insieme al mais, la più estesa in termini di ettari, è andata crescendo la vite, si è aggiunta negli anni la coricoltura, ossia la coltivazione della nocciola, quella tonda del Piemonte e anche l’ulivo.

«Se fino a poco tempo fa era impensabile vedere coltivazioni di ulivi in provincia, grazie ai cambiamenti climatici e alla ricerca, che ha reso più resistenti alcune specie, non è più così raro trovare piccole produzioni di olio anche nel Monferrato», spiega il presidente di Confagricoltura Luca Brondelli.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Il caso

'Last banner',
in libertà Rob...

09 Ottobre 2019 ore 07:00
Ovada

Maltempo: disagi
e problemi nell'Ovadese

15 Ottobre 2019 ore 13:56
.