Venerdì 05 Giugno 2020

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

L'analisi

Basta grano. È arrivata l’era di ulivi e nocciole

Mercato, clima e politiche agricole cambiano le colture dell’Alessandrino

Basta grano. È arrivata l’era di ulivi e nocciole

Fotografia di Marco Torchia

ALESSANDRIA - In principio fu la barbabietola da zucchero, poi arrivò il pomodoro e, infine, la nocciola. Negli ultimi anni è cambiato il panorama delle colture in provincia di Alessandria: colpa (o merito) prima di tutto del mercato, ma anche delle scelte politiche, dei cambiamenti climatici e, da ultimo, delle specie di animali infestanti che devastano campi e raccolti.

La pianura alessandrina è sempre stata considerata il ‘granaio’ del nord Italia, con colture intensive di ottima qualità. A questa coltivazione, che resta, insieme al mais, la più estesa in termini di ettari, è andata crescendo la vite, si è aggiunta negli anni la coricoltura, ossia la coltivazione della nocciola, quella tonda del Piemonte e anche l’ulivo.

«Se fino a poco tempo fa era impensabile vedere coltivazioni di ulivi in provincia, grazie ai cambiamenti climatici e alla ricerca, che ha reso più resistenti alcune specie, non è più così raro trovare piccole produzioni di olio anche nel Monferrato», spiega il presidente di Confagricoltura Luca Brondelli.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

L'editoriale

I medici e gli infermieri costretti
al silenzio

29 Maggio 2020 ore 08:24
Unità di crisi

In provincia oggi
7 nuovi contagi,
2 vittime
e 15 guariti

25 Maggio 2020 ore 17:41
.