Giovedì 04 Giugno 2020

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

La storia

La villa del femdom: dove gli schiavi servono l’amata padrona

La magione, che chiameremo ‘Black House’, si trova in provincia. Abbiamo incontrato la mistress

La villa del femdom: dove gli schiavi servono l’amata padrona

ALESSANDRIA - La chiameremo Mina, ma questo non è il suo vero nome. Eppure in questa storia la protagonista è lei con la sua Black House, che però non è il reale appellativo della magione, una tenuta in provincia di Alessandria.

Pensate, per parlare con Mina, la proprietaria, abbiamo organizzato un incontro fuori dal territorio provinciale. Avrete capito che discrezione e riservatezza sono un aspetto importante di questa vicenda. Parliamo di femdom, di rapporti di sottomissione in cui l’uomo, volontariamente, sceglie di essere un sottoposto, un servitore. «Uno schiavo» riassume ‘Padrona Mina’.

Sgombrate la vostra mente dai preconcetti. Nella storia che vi stiamo raccontando, che avviene in uno dei borghi dai quali transitiamo tutti i giorni e chissà in quanti altri, non c’è sesso. C’è una componente sessuale, ovviamente, ma non c’è l’atto come lo intende chi scrive, e probabilmente anche chi legge.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

L'editoriale

I medici e gli infermieri costretti
al silenzio

29 Maggio 2020 ore 08:24
Unità di crisi

In provincia oggi
7 nuovi contagi,
2 vittime
e 15 guariti

25 Maggio 2020 ore 17:41
.