Lunedì 26 Agosto 2019

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Molare - Cassinelle

Rifiuti: compromesso Econet - Comuni

Nei ventuno paesi del bacino sarà sviluppato un sistema con "porta a porta" e centri di raccolta

Cassinelle Centro

Il centro di Casinelle dove arriverà il porta a porta

MOLARE - CASSINELLE  - Dopo il vertice di venerdì scorso tra società di raccolta e rappresentati dei paesi c'è la conferma. Sarà un sistema misto il metodo di raccolta che Econet svilupperà a partire dal 1° gennaio 2020 nei ventuno paesi ancora legati al vecchio sistema, nell'Ovadese Molare e Cassinelle.

Il “porta a porta” integrale avviato lo scorso ottobre negli altri 24 comuni del bacino che comprende anche il territorio acquese pare inadatto a un territorio molto esteso ma con una popolazione piuttosto limitata. La soluzione prospettata da Econet, non senza qualche perplessità da parte di quei comuni che già si erano mossi, sarà “porta a porta” nei concentrici e centri di raccolta, con cassonetti di nuova generazione e badge, per le frazioni meno agevoli da raggiungere, nel caso di Molare Olbicella e San Luca, nel caso di Cassinelle Bandita. Tra i punti dell'accordo è previsto che la Tari rimanga per un altro anno.

All'ultima soluzione si è arrivati dopo che lo stesso presidente di Econet Anselmo Rinaldi, nel corso dell'ultima assemblea del Consorzio Servizi Rifiuti, aveva parlato dell'inattuabilità del “porta a porta” così com'è stato proposto nei centri zona (Ovada e Acqui) e negli altri 22 comuni già interessati dalla modifica rispetto al vecchio sistema dei cassonetti stradali. 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Valenza

Donna aggredita
da un pit bull

20 Agosto 2019 ore 18:04
.