Mercoledì 03 Giugno 2020

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Politica

Strade ad Anas: “Speriamo nel passaggio a maggio”

Intanto la manutenzione resta a carico della Provincia: “Sarà un altro inverno critico”

Strade ad Anas: “speriamo nel passaggio a maggio”

ALESSANDRIA - Lo spunto per discutere della manutenzione della rete stradale è stato dato, al consiglio provinciale, dall'accordo tra palazzo Ghilini e Milano-Serravalle sulla fine dei lavori della rotonda a Tortona, all'intersezione tra la Sp 211 e il sottopasso, all'altezza di Conforama.

In base alla convenzione siglata nel 2010, il tratto di strada avrebbe dovuto passare in carico alla Provincia ma, nel frattempo, è intervenuto l'accordo (ancora da perfezionare) per la cessione delle ex strade statali ad Anas.

“Abbiamo chiesto che, in vista del passaggio, il tratto passasse fin da subito sotto la competenza dell'agenzia nazionale. Non è stato possibile. E' stato trovato un compromesso, a costo zero per la Provincia. Palazzo Ghilini – ha spiegato il presidente Gianfranco Baldi – acquisirà nel proprio patrimonio solo la superficie stradale, mentre resterà alla Milano – Serravalle la rete dei sottoservizi”. Che per la Provincia si traduce in un risparmio di qualche migliaio di euro per l'illuminazione e la manutenzione della stazione di pompaggio delle acque.

In vista, poi, del passaggio definitivo ad Anas. “Lo scorso novembre eravamo stati convocati a Roma per siglare il passaggio. Speravamo potesse essere reso definitivo entro la fine di questo anno. E' slittato tutto a maggio – spiega Baldi – per noi significa un altro inverno in cui dovremo accollarci i costi di manutenzione delle ex rete statale, circa 300 chilometri. Con la necessità di intervenire in caso di ghiaccio o neve”.

L'imperativo, in generale, è “speriamo che non nevichi troppo”, perché le risorse a disposizione sul capitolo manutenzione sono sempre più ridotte. “Se fino a qualche anno fa, a bilancio c'erano 15 milioni di euro e a disposizione avevamo 150 cantonieri, oggi la proporzione è di trenta cantonieri e 3 milioni di euro. E' impossibile, in queste condizione, garantire il servizio”.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

L'editoriale

I medici e gli infermieri costretti
al silenzio

29 Maggio 2020 ore 08:24
Unità di crisi

In provincia oggi
7 nuovi contagi,
2 vittime
e 15 guariti

25 Maggio 2020 ore 17:41
.