Mercoledì 21 Agosto 2019

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Alluvione 2016

In arrivo fondi regionali per una nuova casa

Contributi per l’acquisto di abitazioni in aree sicure 

In arrivo fondi regionali per una nuova casa

TORINO - Diventa realtà la prospettiva di una nuova casa per le famiglie di Alessandria colpite dall’alluvione del 2016. È stata infatti firmata la determina che dispone l’erogazione dei contributi regionali per l’acquisto di nuove case in aree sicure al posto delle vecchie abitazioni nelle aree a rischio danneggiate tre anni fa. Si tratta di un contributo del 20% del valore di acquisto, che va a sommarsi all’80% erogato dallo Stato, e riguarda le prime case per le quali i cittadini hanno già sottoscritto un impegno di acquisizione. Gli importi stanziati sono di 255.375 euro per otto famiglie di Alessandria.

“Abbiamo dato priorità alle prime case - specifica l’assessore ai Trasporti, Opere pubbliche e Difesa del suolo Marco Gabusi - per consentire alle famiglie di continuare a vivere nei propri territori con maggiore serenità. È un passo concreto per la sicurezza, cui seguiranno certamente altri passi da parte della Regione Piemonte. Lo stanziamento totale è infatti di 660.000 euro per gli esercizi finanziari tra il 2019 e i 2021; per quest’anno siamo riusciti ad erogarne oltre 281.000 per rispondere alle richieste più urgenti. Le prossime erogazioni interesseranno diverse categorie: i cittadini che al momento non potevano ancora esibire pratiche di acquisto, ma hanno già avviato il proprio percorso di rilocalizzazione della casa in zone più sicure e i richiedenti di Trana e Perosa Argentina”.

Ora che questi primi fondi regionali sono impegnati, nei prossimi giorni si procederà al trasferimento dalla Regione al Comune di Alessandria, che provvederà a passarli ai privati, quando possibile anche prima dell’acquisto dell’abitazione. 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Valenza

Donna aggredita
da un pit bull

20 Agosto 2019 ore 18:04
Alluvioni Cambiò

La scienza vi reclama: venite
a farvi pungere

20 Agosto 2019 ore 07:41
.