Mercoledì 16 Ottobre 2019

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

La recensione

“About Endlessness”, Leone d’Argento a Venezia 76

Il senso della vita nel film del regista svedese Roy Andersson

“About Endlessness”, Leone d’Argento a Venezia 76

ALESSANDRIA - Non è un’opera facile, dall’approccio immediato, l’ultima del regista svedese Roy Andersson, già Leone d’Oro a Venezia nel 2014 per “Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza”. O forse, al contrario, nell’estrema essenzialità della filosofia per immagini costruita dal suo autore, “About Endlessness” (letteralmente, “Sull’infinito”) risulta tanto semplice nella sua malinconica evidenza da lasciare lo spettatore sorpreso e confuso.

Il film, premiato alla 76esima edizione della Mostra del cinema veneziana con il prestigioso Leone d’Argento, si percepisce come un variegato caleidoscopio di situazioni, atmosfere, personaggi, rigorosamente raggruppati per quadri e immersi in una dimensione onirica, sfuggente, sino a rasentare l’irrealtà.

Eppure, le figurine quasi stilizzate di Andersson, chiuse nelle loro storie tragicomiche, assurde, solo raramente serene con qualche apertura alla speranza, non fanno che portare avanti la meditazione ininterrotta del regista sulla vita: sulle brutture, ma anche sull’incomparabile bellezza di questo mondo che - nel bene e nel male - ci appartiene e somiglia.

Si passa, allora, dalla noia di un dentista depresso, all’irritazione di uno psichiatra che perde l’autobus, sino al volo chagalliano di due innamorati: vicende drammatiche, comiche, lente o concitate, che scorrono come - appunto - i fotogrammi di un film, introdotte da una voce fuori campo femminile, sorta di narratrice onnisciente.

«È la prima volta nel corso della mia intera filmografia che ho utilizzato una voce narrante fuori campo. Avevo riletto “Le mille e una notte”, e ho deciso di introdurre il mio Sheherazade personale. Il mio obiettivo è portare il pubblico, proprio come il re nella storia, a sperare che il film non finisca mai - ho idea di esserci quasi riuscito. E poi, come al solito, lo spettatore conoscerà i miei diversi esseri umani, ognuno parte di noi, dell’esistenza, per i quali mi auguro di aver dimostrato rispetto e onestà. A volte questa vita sa essere crudele, e spesso molto vulnerabile».

L’“Andersson touch”, come sempre, prevale anche a livello visivo, tra messinscene alla Edward Hopper, uso di cromatismi smorzati e di una fotografia virata in seppia, iperrealismo di fondo.

La pellicola può comunicare, a tratti, una sensazione di gelo: ma Andersson lascia a chi guarda il compito di recuperare, nella rarefatta perfezione dell’insieme, guizzi di umanità e di calore.

Qui si rivela e declina l’umanesimo razionalista, ironico, ma partecipe del regista, colmo di ‘pietas’, di fraterna condivisione della fatica del vivere.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Quattordio

Sbandata fatale in moto,
muore a 16 anni

06 Ottobre 2019 ore 17:34
Quattordio

Tragedia della strada,
muore a 16anni

06 Ottobre 2019 ore 16:04
Alessandria

Il mondo sportivo vicino a Giovanni. che lotta per la vita

05 Ottobre 2019 ore 21:48
.